top of page
IMG_5941.jpeg

GP BAHRAIN: È SEMPRE REDBULL, FERRARI E MERCEDES INSEGUONO



Nel Gran Premio del Bahrain del 2023, il podio aveva visto la Red Bull-Honda dominare, confermando il suo status di forza principale. Fernando Alonso, su Aston Martin-Mercedes, si era piazzato terzo, a una distanza di 38"637 dal vincitore, mentre Carlos Sainz era arrivato quarto con uno scarto di 48"052. Quest'anno, Sainz ha migliorato il suo piazzamento, terminando terzo e finendo la gara 25"110 dopo Max Verstappen, mentre Alonso è scivolato a 1'14"887. La Mercedes si è mantenuta stabile, con George Russell quinto a 46"788, mentre nel 2023 Lewis Hamilton aveva concluso quinto con uno scarto di 50"977.


Questi dati potrebbero suggerire un progresso della Ferrari nei confronti della Red Bull, anche se il divario di 25" tra Sainz e Verstappen non è particolarmente significativo. Tuttavia, c'è da considerare la buona prestazione della SF-24 nelle qualifiche e il fatto che Charles Leclerc abbia dovuto affrontare problemi ai freni fin dal primo giro. Senza questi inconvenienti, Leclerc avrebbe potuto tenere la seconda posizione iniziale e ridurre ulteriormente il distacco da Verstappen.


Resta il fatto che la Red Bull rimane la vettura da battere, con un Verstappen sempre preciso, freddo e sicuro. Sergio Perez ha anche fatto una buona gara, partendo quinto e terminando secondo. Nonostante ciò, ci sono ancora voci che suggeriscono la sua sostituzione con Daniel Ricciardo, il quale non ha impressionato con la Racing Bulls, finendo davanti al suo compagno Yuki Tsunoda per una decisione di squadra discutibile. Non un inizio promettente come team principal per l'ex direttore Ferrari Laurent Mekies.


Sainz ha dimostrato una grande determinazione durante la gara, ingaggiando un duello serrato con Leclerc e poi superando Russell con un bel sorpasso. Ha cercato di avvicinarsi anche a Perez, ma senza successo. Leclerc ha fatto miracoli nonostante i problemi ai freni, trovando un modo per continuare la gara e sorpassando Russell verso la fine. La Mercedes è stata deludente, con Russell solo quinto a causa del surriscaldamento dell'unità di potenza e Hamilton settimo. Toto Wolff continua ad avere problemi.


Anche la McLaren-Mercedes non ha impressionato, né nelle qualifiche né in gara, con Lando Norris sesto e Oscar Piastri ottavo. In Aston Martin c'è delusione, con Alonso solo sesto in qualifica e in gara molto distante dall'avere un passo competitivo, finendo nono a oltre un minuto dal vincitore. Lance Stroll ha conquistato punti dopo un recupero, dovendo affrontare un tamponamento da parte di Nico Hulkenberg alla prima curva, causato a sua volta da Valtteri Bottas.


La Haas-Ferrari ha fatto un'ottima prestazione con Kevin Magnussen, che ha terminato dodicesimo. La Williams-Mercedes è rimasta lontana dalla zona punti, con Alexander Albon quindicesimo nonostante una buona qualifica il venerdì. Logan Sargeant è stato invisibile, commettendo un errore che gli ha fatto perdere tempo, confermando le difficoltà rispetto al 2023. Nubi nere si addensano anche sopra i box di Sauber e Alpine.




© Cavalieri Garage & Co.

Comments


bottom of page